IL SENSO DELL’ “ASSIEME”

Scrivo da un posto magico sotto l’Aconcagua, la cima piu’ alta delle Americhe, che mi ha ispirato quanto sotto. Un caro abbraccio a tutti

IL SENSO DELL’ “ASSIEME”

L’essere umano è un animale naturaliter sociale ed è fatto per condividere e cooperare. Ne consegue che l’idea tutta moderna dell’indipendenza e della libertà non è altro che uno strumento per allontanarci l’un l’altro oltre che da noi stessi. In questo senso la presa di consapevolezza e l’assunzione di responsabilità sono i due passaggi fondamentali per vivere bene il nostro presente e per creare un futuro degno di essere vissuto (indipendentemente da ciò che il Sistema ci propina).

Qualche mattina fa mi è capitato di lasciare l’auto all’ex Foro Boario di Fano, oggi comunemente conosciuto come il “parcheggione” o anche “parcheggio dell’ospedale”. Erano anni che non andavo, sia perché a Fano ci sono poco, sia perché quelle poche volte che vado in centro giro in bicicletta. Va da sé che il parcheggio, pur essendo molto grande, è sempre strapieno e trovare un posto è una vera impresa (ad onor del vero, essendo molto grande, c’è sempre un continuo andirivieni e con un minimo di pazienza l’agognato posto alla fine si trova sempre).

La cosa che mi ha colpito maggiormente del “parcheggione” era la presenza di una decina o forse più di ragazzi negri (e non “di colore” come con espressione politically correct e razzista li si definisce. Sono negri perché appartenenti al ceppo negroide) gentilissimi, simpaticissimi, soprattutto sorridenti e allegri. Sicuramente non hanno una vita facile ma sorridono sempre. Scrivo quanto segue profondamente convinto che corrisponda a verità: stanno meglio, molto meglio, di noi. Davvero, cosa c’è di più importante che essere allegri e, nonostante tutti problemi che devono affrontare, innamorati della Vita? Siamo noi a dover aiutare loro o viceversa?

Questi ragazzi, sparsi un po’ ovunque nel parcheggio, monitorano costantemente la situazione di partenze e arrivi e se ne stanno lì ad aiutare la gente a trovare il posto per l’auto in cambio, è ovvio, di qualche soldo. Ho parlato con tre di loro. Uno viene dalla Nigeria, uno dalla Repubblica democratica del Congo, il terzo dal Senegal; un esempio di coesistenza e cooperazione molto spontaneo e umano, alla faccia delle leggi idiote sull’immigrazione e ai pezzi di carta come i passaporti che servono a schedare e controllare e non ad avvicinare l’umanità.
L’umanità è già vicina, lo è spontaneamente, lo è per natura; “mitakuye oyasin” (siamo tutti fratelli), dicevano i Lakota che avevano certamente capito qualcosa più di noi su cosa è il vivere. O si comprende questo profondamente, intimamente, e lo si pone come regola di Vita, o non si va da nessuna parte (infatti non stiamo andando da nessuna parte).

Ho passato dieci minuti a chiacchierare con il ragazzo nigeriano il quale mi ha spiegato che lui e i suoi compagni assieme lavorano e assieme dividono quanto ricavato al termine della giornata. Il gruppo, già di suo vario ed eterogeneo, cambia ogni giorno, eppure non hanno problemi di divisione del denaro e di chi deve avere cosa e quanto. Molti di loro, oltre a lavorare assieme, vivono assieme.
Cosa voglio sottolineare con questo “assieme”? Molto semplicemente che assieme è, o dovrebbe essere, l’unico modus vivendi per questo animale che chiamiamo uomo; del resto di altri modi ne abbiamo provati tanti e non funzionano granché bene. L’unico modo che funziona è assieme perché assieme significa collaborazione, cooperazione, aiuto, tutte cose che ci appartengono per natura e che sono state spazzate via negli ultimi decenni dall’ubriacatura individualista di questo sistema indotto (perché è indotto) che ci ha condizionato fino alle viscere.
Ci ha condizionato a tal punto che tutti vogliono essere liberi e indipendenti. Liberi di cosa? Di andare al supermercato e di scegliere la marca e il modello del telefono?Indipendenti da cosa? Nessuno di noi è indipendente, neppure colui che vive in autosufficienza in mezzo al bosco, figuriamoci se può esserlo chi vive inserito nel sistema. C’è un motivo molto concreto perché nessuno è indipendente: il fatto molto semplicemente è che tutti siamo inter-dipendenti, che è la cosa più ovvia, naturale e spontanea del vivere fino a che non ci hanno convinti del contrario.

Secondo la logica dell’indipendenza ognuno di noi deve avere il proprio lavoro, la propria casa, la propria auto, il proprio televisore e soprattutto il proprio denaro, per potere essere libero di fare quello che vuole; per poter essere “indipendente” appunto. Siamo così tanto condizionati dal Sistema (questo condizionamento subliminale parte praticamente subito dopo la nostra nascita, si sviluppa con l’inserimento nell’ambiente sociale, cioè l’asilo e la scuola, per poi prendere il pieno sopravvento in età adulta con l’attività lavorativa e tutto il resto) che essere “indipendenti”, o quantomeno aspirare ad esserlo, ci pare normale. Ma non lo è, e la prova provata di questo è che stiamo male e non bene. Sapete perché stiamo male? Proprio perché siamo “indipendenti”, perché essere indipendenti significa essenzialmente due cose: la prima è essere separati, la seconda come conseguenza, è essere soli.
Non è un caso che la solitudine imperi soprattutto nelle grandi città e soprattutto tra coloro di successo, che sono “indipendenti” appunto. In ogni caso (e chi vuole intendere intenda) nessuno è meno libero e indipendente di chi si crede libero e indipendente. Come non bastasse, se da un lato vogliamo essere meno dipendenti dagli altri, dall’altro lo siamo ovviamente molto più dal Sistema. Un gran libertà davvero.

Siamo tutto fuorché liberi ma si può cambiare e per farlo è necessario sviluppare da un lato consapevolezza riguardo a ciò e dall’altro decidere di assumersi la responsabilità della propria Vita e di come viverla. Non si può cambiare continuando a pensare e fare come si è sempre pensato e fatto. Questa è La Via del Mago e ne parlerò più diffusamente prossimamente, ma vorrei intanto anticipare qualcosa perché credo che questo qualcosa, se seguito, possa indirizzarci verso una Vita migliore da adesso, nonché verso una condivisione gioiosa anziché una indipendenza triste.

1) E’ imperativo agire per risolvere i problemi, qualunque problema, il che significa al tempo stesso smetterla di lamentarsi e criticare. E’ forse la cosa più difficile da fare per chi è nato e cresciuto in questa cultura.

2) E’ imperativo decidere di essere contenti per ciò che siamo e non per ciò che abbiamo. Inoltre si deve essere contenti della contentezza altrui e non invidiosi della loro gioia e contentezza. Deve esserci condivisione della gioia e non invidia separatrice. La felicità dell’altro è la nostra felicità, così come il benessere dell’altro (e intendo qui altro in maniera estesa, non in riferimento solamente agli umani ma alla Vita e a tutto ciò che ne fa parte) è il nostro benessere.

3) E’ imperativo imparare ad ascoltare ed a comunicare con forme di dialogo non violente affinché si superino le abituali relazioni conflittuali che informano, in generale, i nostri rapporti. Avere ragione non è importante, lo è molto di più venirsi incontro e capirsi. Il compromesso è capacità di convivere pacificamente e non sinonimo di perdita di indipendenza. Invece di discutere e litigare è bene cercare assieme delle soluzioni. Ciò che scrivo ora l’ho già scritto tante volte e vi parrà banale ma non lo è: cominciate con il buttare la tivù, il principale mezzo di manipolazione delle masse, dove tutti urlano e litigano oltre a tutto il resto, e avrete già fatto un enorme passo avanti in questo senso e senza alcuno sforzo.

4) E’ imperativo capire che aiutarsi reciprocamente (il che significa anche chiedere aiuto nella difficoltà senza vergogna di non riuscire da soli) è sinonimo di condivisione. Chiedere aiuto non è debolezza ma forza, quella stessa forza che ti permetterà di aiutare quando qualcun altro chiederà aiuto a te.

5) Riprendo parzialmente il punto 2. E’ imperativo essere allegri, sorridenti, grati per ciò che abbiamo. Abbiamo molto e guardiamo a ciò che non abbiamo. Per avere successo devi desiderare ciò che non hai, per essere contento è sufficiente essere grato per ciò che hai.

Ma soprattutto per fare tutto questo e in verità tanto altro ancora, è imperativo prendersi la responsabilità di farlo in prima persona e per prendersi questa responsabilità in prima persona è necessario fare uno sforzo consapevole per uscire dalla massa, dal gregge, per tornare ad essere se stessi. Perché quando siamo noi stessi, quando siamo quegli animali umani che naturalmente siamo, l’unità e la condivisione sono la spontanea e più alta espressione del nostro autentico essere. E lì stiamo bene senza fare nulla in particolare per stare bene.
Un po’ come i ragazzi negri del “parcheggione”.

I nove “comandamenti” per vivere in un mondo difficile

Andrea Bizzocchi's photo.

In un mondo pieno di incertezze possiamo pur tuttavia avere alcune certezze, e cioè che le strutture portanti di questo mondo non vanno affatto bene. La cosa sembrerebbe ovvia e scontata ma in realtà non lo è affatto dal momento che queste strutture sono prima di tutto delle strutture di pensiero nelle quali le masse si identificano, poiché ad esse condizionate sin dalla nascita e dalla loro omnipervasiva presenza nella Vita di tutti i giorni, ragion per cui riuscire a metterle autenticamente in discussione non è affatto scontato come invece dovrebbe. In ogni caso raggiungere una vera e profonda consapevolezza in tal senso è fondamentale, per poi decidere senza “se” e senza “ma” che vivere facendone a meno (di queste strutture), è l’unica strada percorribile verso una libertà autentica come esseri umani nel nostro breve tratto di esistenza su questo pianeta. Mi pare qualcosa per cui vale la pena spendersi.

Vivendo in un mondo complesso ci pare che la Vita e i suoi meccanismi debbano esserlo altrettanto. In realtà la Vita e i suoi meccanismi naturali, pur essendo complessi, scorrono con armonia e fluidità estrema. Ciò che non fluisce per niente, ciò che non è affatto armonico, è la Matrix che ha fagocitato le nostre esistenze, che ci ha rubato la Vita e nella quale purtroppo ci troviamo ad abitare. Di conseguenza dobbiamo fare molta attenzione consapevole a questa Matrix ed alle sue strutture portanti e fare in modo di evitarle. La cosa non è facile ma è possibile. Non è per tutti, ma solo per chi decide di assumersi pienamente la responsabilità della propria Vita. Ricorda sempre che tu che mi leggi non sei tutti ma sei Tu, un individuo unico, speciale e irripetibile.
Continua a leggere

Altroché “Je suis Paris”

parisAl di là delle stucchevoli e francamente vomitevoli retoriche del “Je suis Paris” (di retoriche stucchevoli e vomitevoli avevo già scritto a proposito dei fatti di Charlie Hebdo , retoriche per le quali bisogna essere terribilmente in malafede (il potere e i media che del potere rappresentano il cane da guardia) o terribilmente ingenui (le masse che il potere lo subiscono), vorrei riassumere in breve la sostanza dei fatti parigini, o meglio di ciò che c’è dietro i fatti parigini:

1) L’Isis, ormai lo sanno anche i sassi, è una creazione Usa/Cia o di chi per loro.

2) Se proprio non è una creazione diretta (ma lo è), diciamo pure che che gli Usa/Cia ne hanno “aiutato” la nascita, l’affermazione e l’espansione.

3) Gli Usa/Cia finanziano, sia direttamente che indirettamente l’Isis (e non solo). Gli schemi per farlo sono semplicemente infiniti.

4) Anche ammesso (ma non concesso) che gli Usa/Cia non abbiano nulla a che vedere con la creazione dell’Isis, non si capisce perché questi ultimi non avrebbero il diritto di reagire ai reiterati attacchi portati dall’Occidente e dagli Usa in particolare, a partire dall’Afghanistan in avanti, a quello che genericamente definiamo “mondo musulmano”. O il diritto di fare le guerre ce l’ha solo l’Occidente per esportare le sue gemme splendenti della “democrazia”, della libertà (ha-ha), del libero mercato (una liberissima rapina), ecc. ecc.? Urge capire che a prescindere da tutto il resto quella di “terrorismo” non è altro che una definizione, e poiché nelle guerre mosse dagli Usa e dai suoi alleati l’incidenza di vittime civili è superiore al 90%, ne consegue per pura deduzione logico-matematica, che i primi terroristi al mondo sono proprio gli Usa e i suoi alleati; insomma, il mondo “libero”. Ci sarebbe anche da aggiungere che quando si combatte con avversari che vantano una superiorità militare-tecnologica infinitamente superiore alla propria, allora la lotta, per chi è attaccato, non può che assumere le forme del terrorismo. Continua a leggere

Una società malata di morte non può amare la Vita

Circa due mesi fa gli Usa hanno conosciuto l’ennesimo “massacro” stile campus universitari, questa volta “mini” per fortuna, che tanto lasciano sgomento il mondo e, almeno in parte, gli Usa stessi. Sto parlando dell’uccisione in diretta di due reporter in Virginia. L’assassino ha poi “postato” (un termine moderno che mi fa orrore quasi quanto il massacro) il video dell’assassinio sul web.Sono stato negli Stati Uniti per la prima volta nel 1995 perché avevo trovato moglie americana. Ci ho vissuto per due anni e poi ci sono tornato almeno una volta all’anno. Nel corso di questi venti anni ho girato il Paese in lungo e in largo, soprattutto con gli autobus Greyhound che sono quelli dei poveracci che non sono riusciti (alcuni non hanno voluto semplicemente perché non ci hanno mai creduto) a raggiungere l’american dream. Sono i reietti della società americana. Sono, in altre parole, la vera America che non è, come tanti ingenuamente credono, quella luccicante delle “Grandi Mele”, delle freeways della libertà e dei film di Hollywood.

Viaggiando così ho imparato molto naturalmente, quando mi trovo negli Usa, ad avere paura. Del resto chiunque abbia un minimo di sensibilità (intesa nella sua accezione di capacità di “sentire”) è in grado di avvertire la violenza ed aggressività di cui questa società è intimamente intrisa. E’ una paura di pelle e di pancia che va ben oltre la ragione; si tratta di una paura che potrei definire “empatica”. C’è poco da spiegare. La si avverte e basta. E’ così. Continua a leggere

Il nostro futuro tra democrazie, referendum e debiti pubblici

1 2 3 23