Pura Vida “Il viaggio dentro e fuori di noi”

Pura Vida e altri racconti raminghi – Appunti di viaggio, riflessioni ed esperienze tra la cultura, i personaggi e la natura selvaggia della Costa Rica” è più di un libro, è un’utile ed interessante consiglio per chi vuole avventurarsi in un viaggio “fai da te”, o “semplicemente” cambiare almeno di un poco i propri stili di vita. Una raccolta di racconti di viaggio dalla Costa Rica, Paese in cui Pura Vida è saluto nazionale e arte del buon vivere. Un invito a trovare strade alternative a quelle della crescita economica senza limiti, ma anche un percorso introspettivo per migliorare la realtà che ci circonda, cambiando per prima cosa noi stessi. Vediamo come, con l’aiuto dell’autore del libro, Andrea Bizzocchi. (Fonte: Terranauta, Dicembre 2010)

di Andrea Bertaglio Continua a leggere

Verso una cultura della sostenibilità – La Permacultura vista dal suo fondatore

Pubblicata su “Consapevole”

Intervista a David Holmgren

Australiano, classe 1955, David Holmgren è un ecologista e scrittore. Negli ultimi diciassette anni ha vissuto e lavorato nello stato di Victoria, facendo il consulente e tenendo corsi e laboratori anche in Europa e Israele. Insieme alla famiglia, ha fondato Melliodora, una tenuta agricola impostata su basi permaculturali, che è diventata anche un centro di riferimento a scopo dimostrativo dei principi della permacultura. Ha poi partecipato alla realizzazione pratica di un eco-villaggio, il Fryers Forest Eco-village, tuttora in evoluzione. Continua a leggere

La Vera Ecologia

ALLA RADICE DEL PROBLEMA ECOLOGICO
La concezione dell’ecologia a cui si fa comunemente riferimento è di matrice totalmente antropocentrica, considera cioè tutto in funzione dell’essere umano. Questo approccio, profondamente connaturato alla nostra cultura, si propone di salvare la Terra perché “è l’unica casa che abbiamo”, oppure ”per le generazioni future” ecc. Questa visione dell’ecologia può essere definita di superficie, nel senso che non va ad intaccare minimamente le radici del dramma ecologico. E’ espressione della cultura occidentale, dunque con uno spiccato sottofondo materialista e comunque con una netta distinzione fra spirito e materia. Nonostante si adoperi, ancorché in buona fede, per “salvarla”, l‘ecologia di superficie mantiene fondamentalmente un atteggiamento di sopraffazione nei confronti della Natura che viene considerata un qualcosa al servizio della nostra specie. La stessa idea dell’espansione, fondamento della cultura occidentale non viene minimamente messa in discussione dall’ecologia di superficie che parla infatti di sviluppo sostenibile. In sostanza l’ecologia di superficie si preoccupa di preservare l’ambiente esclusivamente a beneficio dell’uomo. Continua a leggere

1 33 34 35 36 37 38