Vaccini, un decreto “fascista”? No, peggio

-20151021095550.jpg-q75,dx720y432u1r1gg,c--
Nei giorni a seguire l’approvazione del vergognoso decreto vaccini, molti hanno equiparato tale atto come proprio di una sorta di dittatura di stampo fascistoide in cui, secondo loro, vivremmo. Siccome su certi temi non mi piace scherzare, ritengo opportuno mettere i puntini sulle “i” e se poi qualche benpensante del pensiero unico si scandalizza, pazienza.
Chiariamo dunque sin da subito che la dittatura sotto la quale viviamo è ben peggiore di quella fascista e questo per una serie di motivi concreti, oggettivi e tangibili. Che poi per altri versi il fascismo si sia reso complice di abomini di vario genere è cosa fuori discussione (anche se, per principio, la storia andrebbe sempre letta inserita nel preciso contesto storico in cui si è dipanata e non a posteriori, soprattutto quando viene scritta dai vincitori. Ma questo è un altro discorso).
Continua a leggere