Schiavi senza catene!

Schiavi ridL’arte di pensare con la propria testa per vivere bene in un mondo difficile.

“Schiavi senza catene” è in qualche modo un libro di Magia perché la Magia più grande è quella di assumersi la responsabilità della propria Vita per trasformarla in meglio. La mia è una promessa. Se vivi da Mago, ovvero se ti assumi la totale responsabilità della tua Vita, questa cambierà inevitabilmente in meglio. Però non è un libro per schiavi né per lamentanti. Essere uno schiavo o un lamentante è una scelta, deliberata o meno non importa, che ciascuno di noi compie. Del resto quel 95% della gente che preferisce lamentarsi anziché cambiare non è altro che un numero, un puro dato statistico; tu fregatene della statistica e abbassa la media.

 

 

 

Indice


Premessa
Premessa numero due

Prima parte

1. Un mondo falso
2. L’economia e la crescita economica
3. L’ideologia del lavoro
4. La nascita del consumismo
5. Digiunare dal consumo
6. La parola magica che mette tutti in riga: libertà
7. Siamo schiavi (e non vogliamo esserlo)

Seconda parte

8. Strategie di condizionamento e manipolazione
9. La paura
10. Ritrovare la perfezione perduta
11. L’arte perduta dell’assunzione di responsabilità per la propria Vita

Conclusione

 

Acquista ora

Schiavi Senza Catene
€ 9.9

Nota al lettore

Schiavi senza catene! è tratto dai miei incontri e conferenze e ho preferito mantenere la struttura discorsiva originaria anziché adattarla come fosse un normale testo di lettura. Mi stai dunque leggendo in presa diretta, un po’ come se mi stessi ascoltando dal vivo e la speranza è che tu possa coglierne lo spirito come se effettivamente io fossi lì con te.

Questo scritto raccoglie il mio personale percorso di liberazione dalla schiavitù imposta dal mondo in cui viviamo. Con tutti i suoi limiti, perché è ovvio che ne abbia, questo libro è assolutamente autentico e “vissuto” e non frutto di teorie astratte che, alla fin fine, lasciano sempre il tempo che trovano.

Fai del tuo meglio per trarne degli spunti e cambiare la tua Vita così come vuoi.

Da ultimo, tieni sempre a mente che la schiavitù è prima di tutto nella nostra testa e che in qualunque istante, indipendentemente dalla situazione in cui ci troviamo, possiamo sempre decidere di cambiare e vivere meglio. Anzi, è una nostra precisa responsabilità farlo.

Se non lo facciamo noi, chi mai dovrebbe farlo per noi?

 

Euroballe

euroballeLa favola che non si può uscire dall’euro e come farlo prima di affondare.

Nonostante la devastante situazione economica e sociale che la moneta unica ha generato, uno stuolo di economisti convenzionali (usciti dalle università sovvenzionate e controllate dall’élite finanziaria che ci ha trascinati nella situazione attuale) si affanna a proporre soluzioni per modificare e/o aggiustare l’euro, in sintesi per salvarlo da se stesso. Svelando il reale percorso storico che ha portato alla nascita della moneta unica europea (di cui le popolazioni sono state tenute all’oscuro) e distruggendo
i luoghi comuni con cui l’euro ci è stato “venduto” (integrazione culturale, sociale, politica ed economica), Andrea Bizzocchi mostra che in realtà una soluzione al problema dell’euro esiste ed è praticabile da subito: decretarne la fine e tornare alla moneta nazionale per far risorgere una democrazia degna di questo nome e dare un futuro all’Italia, che di risorse, nonostante vogliano farci credere il contrario, ne ha ancora tante (e fanno gola a molti…).

Acquista ora

Euro Balle

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

 

Indice

Il piano per la distruzione dell’Italia (quando, come e perché)
Globalizzazione: che cos’è davvero?
Uccidere la democrazia
La vendita dell’Italia alla finanza internazionale
Debiti pubblici e debiti privati
Uscire dall’euro: “Non si può, è illegale” e altre fandonie
Dall’euro alla nuova lira
Contanti e moneta elettronica
L’emissione del denaro (chi e come tiene le redini)
Inflazione e svalutazione
Perché paghiamo le tasse
La moneta senza debito e senza interessi
Prove di democrazia diretta
Il ruolo dell’Istruzione
Il “Britannia party”
Chi controlla il mondo: club segreti, fondazioni, think tank e molto altro

Pecore da tosare. La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe

Pecore da tosareLa sopravvivenza tra banche, crisi e truffe

Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l’alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità. Quando la gente dice: “I soldi sono finiti”, coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: “Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?”. La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano. Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l’interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell’interesse da restituire. E l’aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa. Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. Che ci crediate o meno, le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui. È ora di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa! “Andrea Bizzocchi ci dice che nelle mani di ognuno di noi non c’è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi”. – Maurizio Pallante, fondatore del Movimento della Decrescita Felice “Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare”. – Salvatore Tamburro, autore del best seller Non è crisi, è truffa e di Addio al debito

Acquista ora

Pecore da Tosare

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

 

 

 

E io non pago! – Perché l’Italia deve dire no al ricatto del debito pubblico

E-io-non-pagoPerché il debito pubblico italiano è esploso negli ultimi trent’anni? Chi ha manovrato dietro le quinte per portare il nostro Paese alla situazione attuale? Quanto ancora dovremo sopportare prima di capire che veniamo rapinati quotidianamente dagli stessi personaggi che ci hanno cacciato in questa situazione?

I poteri forti decidono l’andamento delle economie mondiali, determinano i destini delle popolazioni attraverso istituti sovranazionali che esulano da ogni principio democratico e ora mettono l’Italia sotto pressione per derubarla delle sue straordinarie ricchezze (finanziarie, industriali, immobiliari, naturali) e per controllarla come si fa con gli schiavi. Ma non hanno fatto tutto da soli… Hanno avuto al loro servizio una oligarchia finanziaria, industriale e politica, che da un lato ha tradito il proprio Paese e dall’altro promuove quotidianamente un unico governo, un’unica moneta, un unico esercito mondiali. Il tutto alle nostre spalle e sulla nostra pelle.

La spoliazione della sovranità monetaria di una nazione, l’introduzione sottaciuta di modifiche alla sua costituzione e lo strumento del debito sono i passaggi obbligati per mettere in atto strategie di controllo e sottomissione. I recenti casi di Islanda, Ecuador e altri ancora testimoniano che liberarsi dal debito è possibile e che l’Italia può aspirare a sottrarsi al ricatto internazionale. Ricusazione o rinegoziazione del debito, recupero della sovranità monetaria, sviluppo di economie sostenibili e supportate da monete locali sono le strade da percorrere per tornare a essere liberi cittadini e ridare al tempo stesso un futuro al nostro Paese.

Acquista ora

 

 

La favola della crisi. Sull’economia e sull’opportunità di farne a meno

La favola della crisi_coverHernán Casciari, utilizzando la metafora favolistica, ci racconta i grandi temi dell’attualità come la crisi economica e la dilagante insoddisfazione.
Andrea Bizzocchi, nel suo saggio, ci illustra i meccanismi nascosti di un processo di sviluppo che ha finito per occultare i bisogni primari dell’individuo.
Questo pamphlet, agile e appassionato, ci porta alla scoperta di uno stile di Vita con la “v” maiuscola, in armonia con la natura e con noi stessi.
Hernán Casciari è uno scrittore e giornalista argentino. È direttore della rivista letteraria Orsai.

Andrea Bizzocchi ha pubblicato, tra gli altri, Pura vida e altri racconti raminghi, Non prendeteci per il Pil (Terra Nuova), Pecore da tosare, E io non pago! (Il Punto d’Incontro). Vive con poco e in maniera nomadica tra Italia, Usa e CentroAmerica.

 

 

Acquista ora

La Favola della Crisi

Lettera da Babbo Natale

LETTERA DA BABBO NATALEI tempi cambiano, Babbo Natale si evolve e decide di scegliere un Natale green, con maggiore attenzione verso l’ambiente.

Quest’anno la lettera la scriverà lui!

E proporrà ai tanti bambini che ogni anno gli scrivono una festa sempre più allegra, ma pensata anche nel rispetto della Natura… perché sia davvero Natale per tutto il Pianeta.

Una divertente favola educativa, meravigliosamente illustrata a colori, ricca di spunti e strettamente legata alle tematiche dell’ambiente.

Un volume pieno di idee innovative, creative e coloratissime da creare a casa con l’aiuto di mamma e papà, riciclando i tanti oggetti di uso comune.

 

 

Acquista ora

Lettera da Babbo Natale

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

Di questo libro è disponibile anche la versione in inglese

cover_mini

1 2